Un pomeriggio, un cielo azzurro, un sole caldo e una città come Milano!

Ogni tanto bisognerebbe perdersi per le vie della città, perché Milano, anche se sono un po’ di parte, è proprio bella!

In occasione della settimana della moda, ma più precisamente in occasione di Milano XL, festa della creatività, girando per le vie e le piazze della città, sono “inciampata”, con grande sorpresa, in un Evento dedicato al matrimonio: TRIONFO D’AMORE.

La manifestazione si è svolta dal 16 al 26 settembre ed è stata promossa da Fiera Milano e SI Sposa Italia.

L’installazione era situata nella Piazza delle Armi del Castello Sforzesco e rappresentava la storia del matrimonio dal sedicesimo al ventesimo secolo. La cornice era davvero suggestiva e lo spettatore veniva accolto da una scenografia di piante e filari di viti che lo avvolgevano, accompagnandolo durante la visita.

“TRIONFO D’AMORE” era suddiviso in tre aree ognuna dedicata a un tema specifico: la festa, il messaggio e l’abito. La storia del matrimonio veniva raccontata attraverso un repertorio iconografico fatto di rappresentazioni classiche, feste e banchetti, pubblicazioni di matrimoni importanti, antichi ventagli, abiti, accessori del matrimonio, inviti, menù nuziali…

La FESTA è stata rappresentata da antiche scene amorose, raffigurazioni satiriche del rapporto tra moglie e marito, immagini retoriche di vita e simpatiche scene di fidanzamenti.

 

La parte dedicata al MESSAGGIO, inteso come veicolazione di promesse, inviti, annunciazioni, merita davvero un “pit-stop”. Fin da piccola sono sempre stata affascinata dalla carta ingiallita che sa di vecchio. Peccato che fossero solo immagini e non si potesse toccare con mano!

Mi sono soffermata a leggere antiche partecipazioni di matrimonio, annunci di nozze d’argento o d’oro, menù di banchetti pomposi…

 

L’ABITO da sposa era padrone di questa installazione; in effetti rapiva la maggior parte dei visitatori che scattavano infinite foto!

La storia dell’ABITO veniva raccontata a partire dagli anni trenta dell’ottocento, quando era, semplicemente, una trasposizione in bianco o avorio dell’abito da sera, fino ad arrivare alla concezione moderna.

L’evoluzione dell’abito è stata documentata attraverso fotografie che ritraevano i GRANDI MATRIMONI, dalla regina Elisabetta a Grace Kelly, da Jacqueline Kennedy a Diana Spencer fino ad arrivare a Carrie Bradshaw di Sex and the city.

E’ bello notare come alcune particolarità, ritornano ancora oggi!

 

Questa è la mia foto preferita…voi cosa ne pensate?

 

Trovo questo cappuccio di incredibile eleganza!…per una sposa invernale, veramente chic…e una volta entrata in chiesa, si trasforma in un caldo coprispalle.

Care spose, sappiamo benissimo come è complicato trovare l’abito dei sogni, soprattutto quando ti dicono “non ti preoccupare, quando è LUI, LO SENTIRAI!”…bene a sapersi, fosse facile!

Guardate alle icone del passato, perché potrebbero esservi d’aiuto e troverete spunti molto interessanti!

 

 

Leave a Reply